lunedì 5 ottobre 2009

Mal d'Africa


Non credete anche voi che questa stupenda elefantessa del bioparco di Roma stia sognando le sterminate savane africane?

20 commenti:

  1. Credo che nessuna gabbia, nessuna "carcere" debba essere dato agli animali che sono nati liberi.

    RispondiElimina
  2. Hai proprio ragione, anche se vengono trattati benissimo non vivranno mai come nel loro ambiente naturale, quello in cui si sono evoluti ed adattati.

    RispondiElimina
  3. Purtroppo la cattività è una gabbia terribile per i nostri amici animali....Il loro habitat naturale, sarebbe il regalo più grande che potremmo fargli...Un po' come nel cartone animato Madagascar...

    RispondiElimina
  4. Pobre , tiene la mirada muy triste .


    Besos

    RispondiElimina
  5. Che occhione triste ...mi viene un groppo in gola ...

    un bacione,ciao !

    RispondiElimina
  6. Pobrecita, si está soñando con la sabana.
    Una visión distinta sobre el Mal d´Afrique.
    Un abrazo.
    Norber.

    RispondiElimina
  7. Ciao Debora, è vero dovrebbero andarsene in cerca della libertà come Alex, Gloria, Marty e Melman. :)

    RispondiElimina
  8. Ciao Carlota, è vero ha uno sguardo malinconico.
    Ciao baci. :)

    RispondiElimina
  9. Ciao Ale, sei una persona molto sensibile, magari ce ne fossero al mondo!
    Un abbraccio. :)

    RispondiElimina
  10. Ciao Norber, in questo caso il mal d'Africa è la nostalgia di chi desidera tornarci.
    Ciao a presto. :)

    RispondiElimina
  11. Assolutamente siii!!!!!!! Lei è nata per essere libera!!!!! Vorrei eliminare subito tutti gli zoo e tutti i circhi del mondo!!!!! Luoghi tristissimi....
    Ciao a presto Barbara!

    RispondiElimina
  12. Eh si, hai ragione Barbara, concordo in pieno! :)

    RispondiElimina
  13. Ciao complimenti per le tue foto, piacere di conoscerti siamo entrambe siciliane!!!

    RispondiElimina
  14. Bello il tuo post cara mari,pero' che
    tristezza quel poco spazio a disposizione
    è una vera tortura povera elefantessa..
    nonna di Sara.

    RispondiElimina
  15. Como diz a Carlota, o elefante tem um olhar triste. Talvez saudades da liberdade da sua terra.

    RispondiElimina
  16. Ciao Francesca, è un piacere conoscere una corregionale sul mio blog. Grazie per i complimenti. :)

    RispondiElimina
  17. Ciao Gianna, hai ragione ma purtroppo gli animali in gabbbia richiamano molte persone e c'è chi ci guadagna. Speriamo almeno che li trattino bene. Ciao a presto. :)

    RispondiElimina
  18. Ciao Chapa, si lo penso anch'io. A presto. :)

    RispondiElimina
  19. Ciao Dungha, grazie. Ciao. :)

    RispondiElimina